Casa Corte in Sud America. Pareti in Legno e Vetro dialogano con l’esterno

Il Residence realizzato dallo studio Najas Arquitectos, in Sud America, è il primo di una serie di 4 residenze private che rielabora la tradizionale tipologia della casa a corte centrale, molto comune nelle abitazioni coloniali del Sud America

Lo studio Najas Arquitectos progetta la prima residenza su un sito di 1400 mq nella periferia prendendo in considerazione vari fattori di design. I progettisti mirano al mantenimento e all’integrazione di un vecchio albero di jacaranda alto 18 metri

L’architettura rafforza la centralità di un albero di jacaranda, posto ad ovest del sito. Spazialmente, è stato riconosciuto come un punto di riferimento per l’integrazione di attività indoor e outdoor della casa. Per quanto riguarda il volume, l’albero è abbracciato da elementi e così diventa una parte fondamentale dell’intervento architettonico. L’albero risponde a questo gesto, fornendo ombra che penetra gli spazi interni. L’obiettivo era quello di rendere evidente la sua presenza da tutte le camere e dai corridoi all’interno della casa

Mez-Zé (meh-Zay): Un termine di origine araba. Preludio di un pasto spesso servito come parte di una riunione sociale in cui è possibile trascorrere un lungo periodo di tempo. Per i proprietari, di origine libanese, i pasti sono un rituale. La sala da pranzo acquista un’importanza maggiore rispetto agli altri ambienti ed è contraddistinta da una doppia altezza e da una fisica relazione, attraverso due lati, con l’area esterna e l’albero Jacarandá

Lo spazio centrale è flessibile, una volta aperti i serramenti vetrati che lo fiancheggiano, l’ambiente destinato al pranzo permette l’eliminazione delle barriere tra interno ed esterno e che diventi uno spazio, un cortile, un collegamento centrale che viene “trafitto” dall’albero di Jacaranda. Questo spazio è l’epicentro della casa

A differenza delle altre 3 case, in cui la progettazione offre una vista sul cortile, questa casa dispone di un prato posto di fronte con vista sulla montagna Ilaló. La pianta a forma di “H” apre tutte le viste a sud-est, permettendo lo scorcio sul paesaggio montano

Al piano terra, ad ovest, il cortile è affiancato da un volume di servizio rivestito in quarzite, e al piano superiore, un altro bar e un volume a sbalzo ospita le camere da letto in stretta relazione fisica e visiva con l’albero di jacaranda e la montagna Ilaló. Al piano superiore, un volume a sbalzo di 5 metri è incorporato nelle zone comuni vetrate ai lati. Contiene la camera da letto, sopra le cime degli alberi di arancio esistenti e, con una rotazione di 8 gradi verso sud-est, guarda dritto al Monte Ilaló

Il sistema di circolazione longitudinale progettato dallo studio Najas Arquitectos propone una narrazione che attraversa gli ambienti vuoti all’interno e le aperture, sia fisiche che visive all’esterno, rivelano tutti gli elementi del contesto natural-paesaggistico

GALLERY

Residenza
Nuovo Edificio
PROGETTISTA

DATI PROGETTO

Località: Quito, Ecuador
Tipologia: Residenza
Arkitecture ADV Progettista - 300x400

NEWS

Arkitecture ADV 03 - 300x250