ARCHITETTURA | Percorrendo un sentiero, il Woodstock, progetto dell'Atelier YokYok offre una nuova prospettiva, invitando a dare un'occhiata a un paesaggio inaspettato. Nel sottobosco, all'ombra degli alberi è cresciuto uno strano parco giochi

L'assemblaggio denso e verticale di tronchi di legno di varie altezze che si estendono su una superficie di 64 m2 offre una nuova topografia e definisce uno spazio accessibile a tutti coloro che solleticano l'immaginazione.

Il camminatore afferra questa trama percorrendo la superficie modellata, in modo giocoso o più contemplativo. La percezione del paesaggio viene messa in discussione e le più piccole diventano giganti ai vertici della struttura, contemplando il mondo che si rivela sotto i loro piedi.

L'installazione si ispira alle cataste di legno raccolte dopo il disboscamento che sono qui messe in scena per proporre al deambulatore una sosta ricreativa: un'eco al ciclo della foresta e all'impronta dell'uomo sul suo ambiente. Si iscrive volontariamente in un luogo naturale in cui lascia un luogo di scelta.

Gli alberi estendono la struttura in alcuni punti e le felci finiscono per farsi strada tra i tronchi.

Dialogo tra legno e fiume
I navigatori hanno viaggiato lungo i fiumi affluenti del San Lorenzo. Nel 19 ° secolo, il legno proveniente dall'industria forestale veniva trasportato sui fiumi.

In primavera, dalle grandi foreste del Quebec al fiume, gli uomini hanno accompagnato i tronchi galleggianti a centinaia lungo l'acqua, trasformando i fiumi in un nuovo paesaggio.

Woodstock è come un occhiolino, un paesaggio che aggiorna il ricordo di questa attività sulle rive del St. Lawrence: l'eco di una pratica ancestrale che unisce uomo, fiume e foresta.

Articoli

Progettista

Atelier YokYok
YokYok è un laboratorio creativo